Home
 
    
Il progetto
Contesto
Finalità
Giornalino
News
Prima pagina
Officina dello scrittore
Racconti
Gemellaggio con Oviedo
Presentazione
Attività opzionali
Cineforum
CLIL inglese
Corsi sportivi
Laboratorio artistica
Laboratorio cucina
Laboratorio musica
Laboratorio scienze
Linguaggio del corpo
Manualità
Metodo di studio
Robotica
Scrittura creativa
La Valle dei Laghi
Calavino
Lasino
Vezzano
Attività formative
Somalia
In classe
Uscite
Attività alunni
Concorso fotografico
Modellazione 3D
Progetto google
Robotica
Siti
Arte
Didattica
Generali
Grafica
Informatica
Letteratura
Tecnologia
Passatempi
Risolvi l'enigma
Racconti
Letture
Giovani scrittori
Presentazione
Tutta la verità su ... Oviedo.
Scritto da Anna Peterlongo   

Per conoscere tutta la verità su Oviedo, se sei registrato, entra in DOCUMENTAZIONE ATTIVITA' - VISITE GUIDATE.


 
Resoconto di una settimana ad Oviedo
Scritto da Valeria Azzolini   

 

UNA SETTIMANA A OVIEDO
La notte tra domenica 9 e lunedì 10 maggio quel benedetto vulcano dal nome impronunciabile non ci ha fatto dormire sonni tranquilli. Alle 3 del mattino l’aeroporto delle Asturie veniva riaperto. Forse ce la facciamo, ho pensato, e così è stato.
Alle 15.30 con un po’ di ritardo siamo atterrati all’aeroporto di Oviedo. Patro, l’insegnante d’ inglese e la Preside ci attendono all’aeroporto. Ester, la receptionist dell’hotel Carreno, ci sta aspettando.
Lasciamo i bagagli in albergo e poi a piedi Patro ci accompagna alla scuola Colegio Dulce Nombre de Jesus. Il collegio, di chiara impostazione cattolica, é un edificio molto grande. L'aria che respiriamo appena entrati mi fa tornare alla mente immagini di rigidi collegi con insegnanti irreprensibili viste in qualche vecchio film. I ragazzi sono un po' intimoriti, si guardano attorno con curiosità, qualcuno sembra dire “ meno male che siamo solo in visita...”. Presto però l’atmosfera si fa più rilassata, entriamo nelle classi e ci sentiamo un po’ più a casa. Le aule sono molto più spaziose delle nostre, ci sono le porte a vetri, ma l’atmosfera che si respira è la stessa. La scuola ci sembra enorme e presto perdiamo il senso dell’orientamento percorrendo lunghi corridoi, salendo scale, corridoi, scale, corridoi … In questa scuola non manca proprio nulla. Una cosa forse sì: una palestra un po’ più grande. Sembra quasi la nostra!! Mi diverto ad osservare i visi curiosi dei ragazzi che osservano, confrontano, commentano.
Così il primo giorno se ne è già andato, ora tutti a nanna. Siamo piuttosto stanchi è stata una lunga giornata.
Il giorno dopo comincia con una abbondante colazione. Ma quanto mangiano questi ragazzi!!! Poi a scuola, a piedi, Patro e i gemelli ci aspettano!! Trascorriamo la mattina assistendo alle loro lezioni, i ragazzi partecipano alle lezioni di inglese, matematica e storia e ballano durante la lezione di musica. Verso le 13 l’assessore alla cultura ci aspetta al Municipio di Oviedo per darci un caloroso benvenuto da parte della città che, come ci spiegheranno più tardi, si candida ad essere capitale europea della cultura nel 2013. Ne vanno molto orgogliosi.
Attorno alla città ci sono delle colline, su una di queste sono conservate delle costruzioni di epoca pre-romanica. Da lassù possiamo ammirare il centro commerciale Calatrava, dal nome del suo architetto, che sembra un enorme aereo atterrato in mezzo alla città. Tranquilli ragazzi, l’ultimo giorno vi portiamo a fare shopping, promesso.
Alla sera torniamo a scuola: i genitori dei gemelli ci hanno preparato una cena a buffet. I ragazzi hanno tempo di stare un po’ tutti insieme. Li osservo presentarsi ai genitori dei loro gemelli, sono un po’ timorosi ma sono tutti così gentili e disponibili che ogni cosa diventa più facile!!!!
E anche il secondo giorno è passato.
Il giorno successivo abbiamo in programma una gita al mare, a Espasa Beach. Partiamo in pullman con i nostri gemelli. Il tempo non promette nulla di buono. Peccato, la passeggiata sulla spiaggia, con le montagne alle spalle, sarebbe stata più piacevole ma anche così ha il suo fascino. I ragazzi stanno insieme, scherzano e parlano: la cosa che mi interessa di più!!!!!! Finalmente questo inglese serve a qualche cosa... Nel pomeriggio visitiamo il Jurassic Museum e tornando a casa ci fermiamo a visitare una fabbrica di sidro, la bevanda tipica di queste zone che si versa e si beve con un rituale molto particolare!!!
All'indomani, dopo la solita abbondante colazione, partiamo tutti insieme in treno alla volta della città di Gjion. E' una ridente cittadina sul mare, il brutto tempo che fino a ieri non ci ha dato tregua sembra intenzionato a risparmiarci un po', finalmente!!!!! Visitiamo la città, l'acquario, facciamo un po' di shopping e poi ritorniamo ad Oviedo. E i ragazzi continuano a parlare....Questo è il giorno che aspettano di più, sono emozionati: questa sera andranno nelle famiglie dei rispettivi gemelli e passeranno un po' di tempo insieme. Rientrati ad Oviedo si preparano per la grande serata e tra piastre per capelli (anche i ragazzi...alcuni), mise adatte alla serata e regalini per i twins arriva il fatidico momento: i genitori li aspettano nella hall dell'albergo. Che agitazione!!!!! Uno alla volta li affidiamo alle amorevoli cure dei genitori, arrivederci a dopo. A noi professori non resta che rilassarci un po' in una sidreria in compagnia di Patro, Maria Paz e la Preside...
E' già venerdì, è l'ultimo giorno. In mattinata visitiamo il Mine Museum e al pomeriggio, come promesso, tutti insieme al Calatrava Shopping Centre: ci sono i regali da comperare!!!
E' arrivato il momento dei saluti. A scuola ci aspettano tutti: gemelli, genitori, insegnanti. Ci riempiono di abbracci e strette di mano, ci ringraziano della splendida opportunità che abbiamo offerto ai loro ragazzi, noi timidamente facciamo altrettanto. E' stata veramente una fantastica esperienza ma come sempre in questi momenti è difficile esprimere le proprie emozioni. I ragazzi si fanno un sacco di foto assieme, si scambiano le mail si abbracciano, sono commossi. Non vi dimenticheremo.
Sabato mattina: pronti nella hall aspettiamo il pullman che ci porterà all'aeroporto. La settimana è finita: è stata un'esperienza indimenticabile.
 
 
resoconto di una settimana in compagnia degli studenti spagnoli a Vezzano
Scritto da Valeria Azzolini   

 

RESOCONTO DI UNA SETTIMANA IN COMPAGNIA DEGLI STUDENTI SPAGNOLI
 
Nell'ambito del progetto gemellaggio tra la scuola secondaria di Vezzano e il Colegio Dulce Nombre de Jesus di Oviedo (Spagna) si è conclusa in questi giorni la settimana di scambio che ha visto gli studenti spagnoli ospiti da noi dl 12 al 17 aprile
 
Lunedì 12 aprile – ore 15.00 aeroporto di Verona
Eccoli, sono sbarcati. Dopo lunghi mesi di contatti solo virtuali possiamo finalmente conoscere i nostri amici spagnoli di persona. Nonostante il lungo viaggio alla spalle sono in splendida forma!Ancora un'oretta di viaggio e finalmente saranno a Vezzano. Il viaggio per loro è stato piuttosto lungo sono partiti domenica sera per raggiungere Madrid in pullman, da lì hanno preso l'aereo per Verona facendo scalo a Roma.

 


 
Martedì 13aprile – ore 9.00
In aula di artistica c'è un gran fermento: i gemelli spagnoli stanno arrivando e i nostri ragazzi li aspettano con trepidazione. Quando entrano in aula nell'aria si percepisce un po' di imbarazzo e tanta curiosità. Dopo qualche incertezza iniziale il ghiaccio a poco a poco si rompe e, a tu per tu con il proprio gemello, le cose sono molto più semplici.
Nel pomeriggio tutti insieme per un tour in valle e sul monte Bondone. Evviva il potere socializzante del pullman: che bello sentirli parlare in inglese anche fuori dall'aula!!
La sera ci aspetta una cena a buffet preparata dai genitori. Grazie mille signori genitori per la vostra collaborazione: ci avete dato l'opportunità di creare un altro utile momento di scambio tra i ragazzi ma anche tra insegnanti e genitori.
 
 
Mercoledì 14 aprile – ore 9.00
Oggi ci aspettano due ore di lezione. A gruppi di due, accompagnati dai rispettivi gemelli, gli studenti spagnoli entrano nelle nostre classi per assistere alle lezioni. E‘ sicuramente una bella esperienza per noi e per loro! Finito di studiare andiamo a fare un po‘ di attività sportiva a Lusan. Nel pomeriggio tutti in sella, ci attende la biciclettata da Arco a Riva e ritorno. Il tempo è cosi così ma pedalare è un piacere per tutti, la ciclabile piace molto ai nostri amici, il lago poi...sembra il mare!!!!Non hanno mai visto un lago così grande. Al rientro dal giro in bicicletta il Preside ci aspetta ad Arco per farci un po‘ da cicerone in questa bella cittadina, al Parco Arciducale infine ci aspetta un rinfresco offerto dal Dirigente. Arriva ora di cena, alla Baracca di Sarche ci aspettano. La cena ci viene gentilmente offerta dal sindaco di Calavino ed ex-collega Mariano Bosetti ed allietata dalla band.
 
 
Giovedì 15 aprile – ore 9.00
La mattinata inizia con una dimostrazione di parapendio alla quale i ragazzi assistono con curiosità. La seconda parte della mattina la trascorriamo in compagnia del collega Danilo Bonvecchio,guida alpina ed abile scalatore, affiancato da due ragazzi della scuola media, Samantha e Matteo, che ci danno un esempio di come ci si possa divertire arrampicando in sicurezza.
Al pomeriggio i ragazzi spagnoli partecipano alle attività opzionali divisi in piccoli gruppi e poi trascorrono il pomeriggio e la sera in compagnia dei propri gemelli e delle loro famiglie. Un’esperienza significativa per tutti loro.
 
 
Venerdì 16 aprile –ore 9.00
Il gruppo spagnolo trascorre la giornata visitando le città di Verona e Trento. Alla sera ci si ritrova tutti insieme in pizzeria per i saluti finali ed un “arrivederci ad Oviedo”
 
Sabato 17 aprile – ore 9.00
La giornata inizia purtroppo male: il volo da Verona per l’aeroporto di Roma è stato cancellato a causa della nube del vulcano. Il gruppo non si perde d’animo e riesce a raggiungere Roma in pullman dove fortunatamente viene imbarcato su un volo per Madrid alle 21.30. Arrivati a Madrid possono finalmente salire sul pullman che li porterà ad Oviedo dove arriveranno verso le 6.30 del mattino. Tutto sommato sono stati anche fortunati!!!!!!!
 
 
Oviedo
Scritto da Valeria Azzolini   

 

Questo progetto è rivolto a 20 alunni delle classi terze e durerà tutto l'anno scolastico. Si cercherà di favorire la capacità di comunicare in lingua inglese, comprendere e conoscere una realtà geografica diversa, valorizzare il proprio territorio ed effettuare lo scambio tra i ragazzi delle due scuole. L'attività proposta verterà sulla realizzazione di un giornalino attraverso gli strumenti offerti da ETwinning. Il giornalino sarà redatto dagli alunni italiani e spagnoli con cadenza bimensile su argomenti inerenti le loro scuole, le attività, le uscite, le problematiche, ecc.... I ragazzi saranno coinvolti nell'organizzazione dell'accoglienza dei partner spagnoli realizzando un documento che illustrerà le attività che si svolgeranno durante la settimana dello scambio.